MAI PIU' COME PRIMA!  INSIEME PER LA SOCIETA’ DELLA CURA

logo_curaAderisci e partecipa alla convergenza dei movimenti e delle realtà sociali italiane: un Manifesto comune, una piattaforma di priorità concrete nella crisi, una manifestazione nazionale in autunno, un percorso permanente da fare insieme.

Porta le tue idee, le tue proposte, le tue lotte, le tue alternative. 
Firma il Manifesto: societadellacura@gmail.com 

Gravità del COVID-19 in Europa e negli Stati Uniti: la vaccinazione contro l'influenza stagionale potrebbe giocare un ruolo?

Proponiamo la traduzione italiana di un importante articolo (in fase di peer review dal 16 di giugno ma disponibile come pre-print) scritto sotto anonimato dal Consorzio EBMPHET (Consorzio per la medicina basata sull'evidenza, la salute pubblica e la tossicologia ambientale). Le fonti dei dati sono pubbliche e la metodologia trasparente.

Vaccinazione antinfluenzale: che cosa dicono le prove scientifiche

Vaccinazione antinfluenzaliL'editore Fioriti ha pubblicato ieri un piccolo libro scritto da un gruppo di epidemiologi e medici italiani di grande esperienza e trasparenza, fuori dalle logiche lobbistiche che governano da decenni il mondo della Sanità pubblica. Lo alleghiamo qui. Sarebbe importante che tutti i giornalisti scientifici (anche non scientifici ma forse è chieder troppo) e i decisori politici lo leggessero con molta attenzione.

Dalla crisi della spiritualità all'avvento della "bestia" apocalittica - Igor Sibaldi

Intervista di Giulietta Bandiera
 

sibaldi bandieraQuesta chiacchierata, Igor Sibaldi ed io ce la siamo fatta nel settembre scorso all'Istituto di Psicodinamica di Milano, ma oggi, alla luce di quello che succede, è diventata di ancora più stretta attualità.

Igor, come sapete è autore di libri di successo, conferenziere, traduttore, studioso di teologia, storia di religioni, epistemologia, filosofia, mitologia, psicologia, sciamanesimo… Eppure, Igor, tu dici di essere solo uno scrittore…

Eh, basta scrivere di fantasy!

Se cade anche Report

Se cade anche ReportCaro Ranucci,

da oltre 10 anni non ho la TV quindi mi sono perso la puntata di Report di lunedì 20 aprile, ma il mattino seguente tanti amici mi hanno chiamato stupefatti.

Ho abbandonato il televisore in discarica tanti anni fa e l'ultima cosa che ricordo con piacere e passione era proprio Report: la ricerca del Vero nei limiti del possibile, anche rischiando, contro i potenti di turno.

Cronaca di una morte annunciata

Massimo Fioranelli (Medico. Professore associato di fisiologia umana presso l’Università Guglielmo Marconi di Roma, membro del Consiglio Direttivo SIPNEI - Società Italiana di Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia).

Credo che ormai le parole non servano più, in un giorno in cui avremmo dovuto essere felici: Pasqua 2020, con i nostri affetti più cari, con le nostre memorie nel cuore, ci ritroviamo soli e disperati. Ci assale il sapore della sconfitta.
La mia generazione di uomini, di medici ha fallito.

La lezione del coronavirus

di Rossana Becarelli

In questi giorni di surreale sospensione della vita frenetica a cui eravamo abituati, sono stata a lungo in ascolto delle voci che si sono accavallate, disegnando scenari controversi a cui molti hanno contributo in larga parte sotto l’onda delle emozioni: paura, allarme, sospetto, rabbia, aggressività, negazione, pessimismo, rassegnazione.
Ho riflettuto a lungo prima di prendere la parola, e comincio facendo ammenda per aver dichiarato solo qualche settimana fa - anche se sembra ormai passato un secolo - che questa influenza sarebbe stata una normale affezione stagionale non meritevole di alcuna particolare precauzione.

La vita è una cura di terreno

bettyPubblichiamo una lettera di un medico, specializzato in anestesia, che ha scelto, dopo anni di professione in ospedale, di dedicarsi alla medicina omeopatica.

"E’ tutta la notte che ci penso: che penso a cosa potrei dire per raccontare il mio percorso sino a qui.
E’ lungo ed articolato, e penso che tutto parta con la nascita di mia figlia, dovevo prendermi cura di un altro individuo, avevo la responsabilità della vita e della cura di un altro individuo. Sono un’anestesista, la vita e la morte delle persone me la sono trovata in mano molte volte e ho sempre cercato di fare del mio meglio. Ma questa volta si trattava di mia figlia e volevo prendermi CURA di lei ancora di più del mio meglio.

Spiritualità in medicina, cosa si deve fare?

Journal of the royal society of medicineLa spiritualità è un concetto globalmente riconosciuto. Tuttavia, i tentativi di raggiungere un consenso generale riguardo alla sua natura hanno incontrato un nobile fallimento. Il ricorso all'Oxford English Dictionary rivela che la spiritualità è la "qualità o condizione dell'essere spirituale" e spirituale "ciò che riguarda ... lo spirito": lo spirito, a sua volta, è il "principio vitale nell'uomo", la sua "natura, qualità o carattere essenziale", "un'attitudine speciale o inclinazione della mente che caratterizza gli uomini". Pertanto, discutendo di spiritualità, si sta davvero discutendo sul modo in cui le persone soddisfano ciò che ritengono essere lo scopo delle loro vite.

Omeopatia, vaccini e vitalismo

C’è una connessione tra l’infinita vicenda fantapolitica sull’obbligo vaccinale e i ciclici attacchi mediatici all’omeopatia? E’ possibile provare a immaginare, oltre all'affarismo della lobby farmaceutica, un profondo problema culturale portato da un secolo di straordinari successi del riduzionismo scientifico?

Nonna Pina, la guerra e Nemore Martoglio

Oggi Nonna Pina compie 89 anni.

La sua infanzia felice finisce a 13 anni. Nel 1942 due soldati nazisti entrano nella sua casa, dove stanno pranzando in 15, con il fratellino più piccolo nato da 8 giorni. Siamo nelle campagne dell’Istria, una cascina piena di vita, con le mucche dalle lunghe corna, le pecore e decine di conigli, ognuno con il suo nome.

Umberto Grieco - verità e libertà

Due giorni fa ci ha lasciati il dottor Umberto Grieco, medico libero e geniale.

Nato nel 1930 a Vico Equense, ultimo di sette figli di una famiglia povera, studia con profitto, e, nonostante le difficili condizioni del dopoguerra, si laurea a 24 anni in medicina all'Università di Napoli. Già durante gli studi, grazie all'aiuto del direttore dell'ospedale di Vico Equense, opera e impara l'arte dell'anestesia. Quando si laurea ha alle spalle ormai centinaia di operazioni chirurgiche e anestesie generali.

Giulietta Bandiera e i 21 passi per la guarigione

Giulietta è giornalista, autrice di programmi televisivi per Rai e Mediaset. Dopo una grave malattia ha cambiato la sua vita, il suo lavoro, le sue relazioni, affermando di aver compreso che la malattia, qualsiasi malattia, è un segnale, un avvertimento, per comprendere di non essere sulla propria strada. Di essersi persi in quel cammino misterioso della vita. Guarire è innanzitutto cambiare e ricordarsi (da cor cordis, ritornare al cuore) dei nostri sogni di bambini.